contatti seguici su
  contatti
adam gopnik
back back
adam gopnik
Americano di origine canadese, scrive per «The New Yorker» dal 1986. Nel 1995 si trasferisce a Parigi, dove avvia la rubrica Diario parigino per la rivista e un romanzo d'avventura, The King in the window, che poi ha pubblicato nel 2005. È del 2000 Paris To the moon, (Da Parigi alla luna, 2011), un’ampia raccolta dei suoi resoconti sulla capitale francese. Through the Children's Gate: A Home in New York, 2006, (Una casa a New York, 2010), è invece un’antologia di saggi sulla vita newyorkese. Nel 2009, in occasione del bicentenario dalla loro nascita, Gopnik scrive Angels and Ages: A Short Book about Lincoln, Darwin and Modern Life, (Il sogno di una vita. Lincoln e Darwin, 2013). Nel 2011 pubblica The Table Comes First: Family, France, and the Meaning of Food, (In principio era la tavola, 2012), zibaldone sulla storia e il nostro rapporto con il cibo, e Winter, Five Windows on the Season, (L’invenzione dell’inverno, 2016), riflessione sul tema in cinque capitoli attraverso diverse culture e paesi. Nell’autunno 2017 è prevista la pubblicazione del nuovo romanzo At the Strangers’ Gate, Arrivals in New York. Gopnik ha vinto il National Magazine Award for Essays and for Criticism tre volte, il George Polk Award for Magazine Reporting e il Canadian National Magazine Award Gold Medal for arts writing. Oggi vive con la sua famiglia a New York, dove recentemente lavora anche a numerosi progetti di musical come librettista. In Italia i suoi libri sono pubblicati da Guanda.
NEW YORK 2015
CAPRI 2017
photogallery
back next
back next
videogallery
back next
back next